Vai al contenuto

La Festa ManiFesta

17 febbraio 2011

Una cosa che riteniamo primaria è la rivoluzione.
Ma che vuol dire “rivoluzione” in questo caso?
E’ presto detto: essere se stessi cercando di ridurre al minimo la strumentalizzazione inevitabile.
Meravigliosa la manifestazione del 13 febbraio, infatti: e quindi? e poi?
Se ci contrapponiamo allo stato attuale di cose non facciamo che rafforzarlo. Non è questa la rivoluzione. Rivoluzione è essere se stessi e dar voce a ciò che si è e si fa. E’ partire dalla cultura e dall’arte per poter attingere alla creatività di ognuno, perché creare e crescere hanno la stessa radice. E’ partire da un 8 marzo che finalmente non sia la festa delle donne, ma degli esseri viventi, al di là di ogni sessismo. La festa dei cani dei gatti delle donne degli uomini dei bambini dei trans dei gay dei pappagalli brasiliani. La festa ManiFesta. Questo proponiamo. Noi batteremo le nostre mani, e questo sarà il nostro com-battimento: questo, semplicemente. Attingeremo a quell’immensa energia che il centrarsi in se stessi dona e restituisce.

L’8 marzo alle ore 16.00 ci incontreremo alla Bottega dei saperi e dei sapori della legalità, sede di Libera, a Piazza Castelnuovo, 13, da dove, dopo la lettura del racconto, proseguiremo in corteo fino a Piazza Massimo battendo le mani, perché

Com-battere vuol dire battere insieme.
Com-battiamo le palpebre per vedere
Com-battiamo le ali per volare
Com-battiamo le mani
per ManiFestare.

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: