Skip to content

Avrei voluto vedere, toccare il mio bambino…

29 dicembre 2011

     e invece nulla di tutto ciò, solo distacco…

 
L’associazione CiaoLapo Onlus ha collaborato alla realizzazione di un documento sul contatto col bambino in caso di morte in utero che diffondiamo nella speranza che l’assistenza alle coppie e alle famiglie in lutto possa migliorare significativamente.

Assistenza alle famiglie colpite da morte in utero: un position statement internazionale sul contatto con il bambino
Versione italiana a cura di Claudia Ravaldi e Alfredo Vannacci del documento Warland J, Davis DL, et al (2011) Caring for Families Experiencing Stillbirth: A unified position statement on contact with the baby. An international collaboration

Premessa
La morte in utero è riconosciuta essere una delle esperienze più traumatiche nella vita di un genitore e può essere associata a cambiamenti psicosociali a lungo termine. Per i genitori potrebbe trattarsi della prima esperienza in assoluto di morte; essi sono in genere confusi e spaventati riguardo a ciò che li aspetta e incerti su cosa è ancora possibile fare.
Vedere e tenere in braccio un neonato vivo dopo la nascita è una normale risposta genitoriale di accudimento. Vedere e tenere in braccio un bambino nato morto è a sua volta una risposta normale e ci sono molte evidenze che indicano questa esperienza come gradita e desiderabile per i genitori. I genitori beneficiano notevolmente di un supporto e di una guida personalizzata che possa accompagnarli mentre prendono le loro decisioni riguardo a questa possibilità, a quanto tempo stare con il loro bambino, e anche quando e come impiegare questo tempo.
Per leggere tutto il documento clicca qui

Può interessarti uno spazio e un tempo anche per chi non è mai nato

Suggeriamo inoltre la lettura di un libro molto bello di Giorgia Cozza, Quando l’attesa si interrompe. Oltre a quelle di psicologi, ostetriche, ginecologi, ecc, il volume raccoglie le testimonianze di molti genitori che si sono concessi un tempo e uno spazio per il proprio sentire.

Una di queste è una lettera.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: