Skip to content

Tra Cielo E Terra: il Rito della Luce 2013

13 giugno 2013

Uno, Due, Tre, Quattro: come gli elementi, i punti cardinali, i lati del quadrato che simboleggia la terra e la stabilità.

Quattro come gli anni che sta per compiere il Rito della Luce e come gli anni della Piramide, il maestoso tetraedro alto trenta metri sulla cima di una collina nel territorio di Motta d’Affermo, in Contrada Belvedere.

Quattro come le fasi della luna, che proprio il 23 giugno sarà piena e brillante come non mai ed anche un po’ rosata, perché quella notte sarà al perigeo, cioè nel punto più vicino alla terra.

Il Rito della Luce di quest’anno, così, risplenderà non solo della piena luce del sole, ma anche di quella della luna, entrambi al massimo del loro splendore.

Tra Cielo e Terra, dunque, tra quaternità e circolarità, quest’anno vivremo veramente l’unione degli opposti, che sono opposti solo quando li vediamo tali; e Poesia, Musica, Arte, Bellezza ci condurranno verso il nostro centro, là dove tutto diventa Uno.

Un ringraziamento speciale ad Antonio Presti per la straordinaria Bellezza che evoca ed esprime, per il lavoro infaticabile, per l’amore verso questa nostra Terra di Sicilia, e per tutto.

1017047_4535132111022_1700587540_n

PROGRAMMA Rito della Luce-Piramide: 21-22-23 giugno 2013

Venerdì 21 giugno

Ore 10 al tramonto : apertura della Piramide 38° Parallelo  di Mauro Staccioli in Contrada Belvedere a Motta d’Affermo (Me).

 Ore 16: museo-albergo Atelier sul mare(via Cesare Battisti ,Castel di Tusa)- Inaugurazione della Mostra fotografica di Pina Inferrera e dell’istallazione di Luisa Mazza
 

Sabato 22 giugno

Ore 11 – 14 : : apertura della Piramide 38° Parallelo  di Mauro Staccioli in Contrada Belvedere a Motta d’Affermo (Me).

Ore 16 : Inaugurazione: Stanza del Rito della Luce , installazione di poeti vari

Art hotel Atelier sul mare

 Ore 20 : Reading di poesia Castel di Tusa (davanti all’Atelier sul Mare in via Cesare Battisti),

parteciperanno i bambini e i ragazzi delle scuole della Valle dell’ Halaesa, poeti contemporanei e gruppi musicali partecipanti al Rito della Luce.

Domenica 23 giugno

Motta d’Affermo: dall’alba alle 7 e dalle 16 al tramonto alla Piramide 38° Parallelo, opera di Mauro Staccioli

Il sorgere del sole e il suo tramonto verranno accompagnati da letture di poesia, danza, musica e perfomance.

Parteciperanno i bambini e i ragazzi delle scuole della Valle dell’ Halaesa, poeti contemporanei e gruppi musicali

Si invitano tutti i partecipanti al Rito della Luce di indossare preferibilmente abiti bianchi  

 Per raggiungere la Piramide da Castel di Tusa percorrere la SS 113 in direzione Messina per 5,5 km; superato il cavalcavia della Fiumara, svoltare a destra sulla SP 176 e proseguire per 6 km circa fino al bivio con la SP 173 e giungere a Motta d’Affermo dopo altri 6 km. Seguire le indicazioni fino alla scultura Energia mediterranea di Antonio Di Palma. Da qui i bus navetta porteranno i visitatori alla Piramide. Ultimo rientro ore 20.

PAROLE E MUSICA: alcuni degli artisti partecipanti al Rito della Luce 2013:
i poeti: Sebastiano Adernò, Saragei Antonini, Maria Attanasio, Francesco Balsamo, Mariangela Biffarella, Angela Bonanno, Rita Caramma, Antonino Cicero, Gianpaolo De Pietro, Claudia Di Stefano, Maria Grazia Falsone, Biagio Guerrera, Graziella Lo Vano, Francesco Margani, Ennio Marino, Rita Marta Massaro, Luigi Nacci, Francesca Napoli, Josephine Pace, Margherita Rimi, Pietro Russo, Ignazio Sauro, Angelo Santangelo, Emiliano Zappalà;

i musicisti: Mario Bajardi, Francesco Barone e Gaspare Renna, Giuseppe Basso, Maria Bergadano, Alejandra Bertolino Garcia, Francesco Bonacci, Biogroove, Max Busa, Puccio Castrogiovanni, Dario Chillemi, Circo Blu-Cattivo Costume, Nanni Cicatello, Carlo Condarelli, Rosalia Cuciniello, Maruzza Dardanoni, Gianni De Nitto ,Disiu, Manuela Faggian, Alice Ferrara, Claudio Fiscelli, Francesco Giunta, Roberto Gottardi, Giana Guaiana , Roberta Izzo, Stefano La Porta, Fabio Lombardo, Cristina Marchione, Justice Masqua Asante, Diego Merlo, Marco Milone , Renato Miritello, Michele Musarra, Ezio Noto, Alberto Paternò, Alberto Pisciotta, Luca Recupero , Raffaello Regoli, Amadou Sanyang, Sikiliah, Marco Selvaggio, Enrico Sorbello, Enzo Tamburello, Paolo Tofani;

le associazioni culturali: Coro di Cefalù “Associazione Musica per l’Uomo”, il coro di bambini di Sant’Agata di Militello, Incanto , Gruppo Majorette ,Small Shaker, di Pettineo, Folk e Banda di Motta d’Affermo,Coro Monteverdi, Ic Aversa Nebrodiadi, Progetto Mistretta, Laboratorio teatrale tusano di Tusa;

perfomer: la danzatrice Giovanna Velardi; l’attrice Patrizia D’Antona che con la sua compagnia presenta “Ecuba mille voci” e la performer-autrice catanese Daniela Orlando (che recentemente nel documentario “L’Anti Gattopardo. Catania racconta Goliarda” di Alessandro Aiello e Giuseppe Maio ha interpretato il ruolo della scrittrice Goliarda Sapienza) insieme a Umberto Naso, Gaetano Parisi, Valeria Anzaldo, Assia Torrisi, Alessandra Garofalo, Marilyn Garofalo, Salvo Pappalardo.

Di Giulia Di Natale e Claudio Montaudo, con l’accompagnamento di Gaetano Gagliano, il Mandala che verrà realizzato appositamente per il Rito della Luce del solstizio d’estate 2013.

Mostra fotografica di Pina Inferrera e installazione di Luisa Mazza, museo albergo Atelier sul mare;

Il Rito della Luce 2013 ideato, organizzato e promosso dalla Fondazione Antonio Presti-Fiumara d’Arte, quest’anno si svolge in collaborazione con tre festival molto particolari come la Rassegna di musica diversa-Omaggio a Demetrio Stratos che dopo l’edizione piemontese dello scorso anno, il prossimo 22 giugno si sposta nella piazza dell’Atelier sul Mare di Castel di Tusa (Me). Siciliani gli altri due festival che collaborano al Rito della Luce 2013: il Dedalo Festival di Caltabellotta (Ag) per la valorizzazione della musica indipendente e dell’arte libera ed il Marranzano World Festival, rassegna tra folk e world music quest’anno a Ragusa Ibla. Tra i partecipanti anche alcuni giovani musicisti del Conservatorio “V. Bellini” di Palermo, per la prima volta presente al Rito.

«È bello fare sistema, quando il sistema è bello – dice Antonio Presti – e, quando ci sono delle affinità elettive, l’incontro è stimolante e produttivo».

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: