Skip to content

Salvatore Coppola, un Amico

6 dicembre 2013
“Presso gli eschimesi, quando una persona si ammala, assume un nuovo nome, una nuova personalità caratterizzata dalla malattia. Per superare una malattia bisogna appunto, letteralmente ‘passarle sopra’, trascendendola, cioè morire. L’unica speranza di guarigione risiede nella morte della personalità malata. La salute richiede la morte.”
James Hillman

E dunque il nostro Licchia è salvo: sull’altra riva.

Non è facile pensare a lui dall’altra parte, anche se già è passato più di un mese. Chissà.

Trapani, la sua città, la “città dei due mari” dove mi invitò una sera, con la generosità e l’immediatezza che gli erano proprie, a presentare un libro anche se non lo aveva pubblicato lui,  lo ha ricordato con amore il 30 novembre scorso, a un mese dalla scomparsa, e sono contenta di pubblicare qui il video che trasmette le emozioni di quella sera.

Rimangono in noi, di Salvatore, parole, gesti, immagini, vissuti, emozioni, affetto e molto altro. E di tante foto sue, questa scattata da Roberto Miata ci sembra che in qualche modo ne rappresenti lo sguardo di ragazzo, l’apertura al nuovo, l’animo poetico, la timidezza mai invadente, l’eleganza, la discrezione, la dolcezza, l’essere mite, l’autenticità. E’ un “ritratto d’anima”, davvero.

Foto di Roberto Miata

Foto di Roberto Miata

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: