Skip to content

osservazione e ascolto nella relazione educativa

18 febbraio 2014
by

image

 osservazione e ascolto
nella relazione educativa

65846_488834627829799_1395742332_n
1. Premessa
Chi svolge un’attività educativa (genitori, insegnanti, animatori, operatori sociali e sanitari…) si cimenta quotidianamente – oltre che con tematiche fondamentali dell’impianto educativo stesso (come motivare, come si insegna, come si apprende) – con questioni complesse e delicate riguardanti l’area dei rapporti interpersonali: come gestire il clima relazionale, come comprendere il complesso mondo dei comportamenti umani. Per espletare una qualsiasi azione educativa è necessario cioè sapersi relazionare, sapersi rapportare, saper esser-ci con consapevolezza e competenza.
All’educatore, in quanto maggiore responsabile della gestione educativa, si pone un doppio problema.
In primo luogo, egli ha il compito di avvicinarsi quanto più possibile all’altro, real-tà sconosciuta, per accoglierlo, conoscerlo, comprenderlo. Questo avvicinamento è fortemente condizionato dal modo in cui egli si fa impressionare, in cui cioè lascia en-trare i dati provenienti dal mondo altrui, dal livello di attenzione e di consapevolezza con cui incorpora i dati attraverso i canali sensoriali, tenuto conto della globalità espressivo/linguistica dell’altro (parole, suoni, immagini, movimenti…).
In secondo luogo egli deve pre-occuparsi di rendere la sua espressione quanto più chiara possibile per mettere l’altro, che normalmente possiede una quantità minore di strumenti espressivi, nella condizione di comprendere i messaggi che gli invia.
Sia l’impressione che l’espressione richiedono dunque un’apertura e una coscienza elevata, esigono cioè un grado di consapevolezza costante, identificabile proprio at-traverso la capacità di lettura e di osservazione della realtà che ci circonda che at-traverso una buona capacità di ascolto.
Per limitare le trasformazioni che inevitabilmente un contenuto subisce durante il passaggio da un individuo all’altro, quando cioè si affida ai mediatori (i linguaggi) il compito di trasferire un messaggio da un Io a un altro Io, è necessario, in entrata e in uscita, saper osservare ed essere in ascolto. Senza osservazione e ascolto un messag-gio (parola, gesto, immagine, movimento…), rischia di trasformarsi, perdere di signifi-cato, svuotarsi, vanificarsi.
Appunti di lavoro:
 Cos’è l’osservazione?
 Come comprendere i comportamenti degli altri senza trasformarne l’intima realtà?
 È possibile descrivere, denotare i comportamenti umani evitando inferenze, giudizi a priori, improprie letture del pensiero?
 Come mantenersi in linea con ciò che viene detto senza indagare sui motivi per cui è stato detto, senza connotare arbitrariamente, senza interpretare?
 Come attenersi ai fatti distinguendoli dalle opinioni?
 Come raccogliere dati sensorialmente basati riguardanti il comportamento uma-no, evitando fantasie, immaginazioni che ostacolano la comprensione dell’altro.
 Come differenziare la mappa (la rappresentazione della realtà) dal territorio (la realtà stessa, il comportamento degli altri).
 Come apprendere a utilizzare un linguaggio descrittivo.
 Come individuare le ridondanze (regole implicite) per avvicinarsi alla compren-sione del funzionamento di un sistema di relazioni umane?
 Cosa ostacola/favorisce l’osservazione?
 Qual è il posto dell’osservazione nella formazione dell’educatore?
 Cos’è l’ascolto? Quali le condizioni per l’ascolto?
 Chi, come, perché, dove quando, quanto ascoltare?
 L’ascolto nella relazione: quali atteggiamenti?
 Cosa ostacola/favorisce l’ascolto?
 E’ possibile comunicare senza ascolto?
 Qual è il posto dell’ascolto nella formazione dell’educatore?
 Si può apprendere ad ascoltare?
3. Contenuti
 L’osservazione
Denotazione, connotazione. Regole e/o ridondanze.
Fatti, opinioni
Mappa, territorio
Le prime impressioni

 L’ascolto
Definizioni
Fattori del non-ascolto
Ascolto attivo, empatico
La riformulazione
Corpo e ascolto
4. Metodologia del corso
Nell’intento di favorire una diretta conoscenza e comprensione dei contenuti proposti privilegiamo la metodologia maieutica, dunque comunicativa piuttosto che una metodologia trasmissiva. Dal fare al riflette-re/pensare/domandare/estrapolare/ge-neralizzare…
Le competenze migliorano facendo esperienze. La conseguente riflessione – e successivamente l’estrapolazione, l’astrazione e la generalizzazione dei concetti – portano a vederne le implicazioni in situazioni nuove. In questo modo l’apprendimento combina i processi dell’esperienza, dell’emozione, della cognizione e del comportamen-to. Non si limita alla trasmissione e all’assimilazione meccanica di conoscenze. Favori-sce piuttosto la co-costruzione del sapere, la coevoluzione
Il metodo prevede:
 l’attivazione di attività pratico-teoriche al fine di stimolare un processo di in-segnamento-apprendimento per soluzione dei problemi
 l’uso di tecniche per la soluzione dei problemi: brainstorming, simulate, giochi di ruolo, gruppi riunione-discussione, analisi dei casi, tecniche espressivo-corporee e di improvvisazione
 la ricerca ed l’elaborazione personale e/o di gruppo
 l’elicitazione del gruppo alla concettualizzazione dei contenuti emersi nelle si-tuazioni problema
 approfondimenti teorici
5. Tempi
 32 ore suddivise in due week end da 16 ore
6. Periodo
Due week end:
 12 e 13 aprile 2014 con orario 9.00-13.00/14.30-18.30 (13.00-14.30 pausa pranzo)
 10 e 11 maggio 2014 con orario 9.00-13.00/14.30-18.30 (13.00-14.30 pausa pranzo)
È richiesta puntualità

7. Composizione del gruppo
 Il percorso viene attivato con un minimo di 12 iscritti
8. Prenotazione e Contributo
Posti limitati
Si accettano le prenotazioni entro mercoledì 2 aprile 2014 all’in dirizzo
bibliotecabalate@yahoo.it Per informazioni tel. 3283177911 h.17\19
Contributo € 160,00 a persona per l’intero percorso formativo (32 ore)
È compreso il pranzo e i materiali. Per le coppie partecipanti, il contributo per una delle due persone è € 120,00
Raggiunto il numero di 12 iscritti verrà data comunicazione per procedere con acconto di € 50,00 mediante bonifico bancario intestato a:

Associazione di Promozione Sociale Le Balate
BANCA NUOVA S.P.A Iban IT 45 Y 05132 04611 896570303057
Causale corso: osservazione e ascolto

Ulteriori € 30,00 verranno saldate entro il fine settimana 12\13 aprile
La restante parte, dovrà essere saldata entro il fine settimana 10/11 maggio
Il ricavato del corso, oltre a coprire le spese, è destinato alle attività per bam-bini e genitori della Biblioteca delle Balate
Sarà rilasciato attestato di partecipazione

9. Valutazione
In un’ottica maieutica la valutazione formativa è un processo assimilabile a un insieme di retro-azioni che permettono a chi insegna e a chi apprende di riconoscere, identificare, caratterizzare vincoli e risorse.
Inevitabilmente interattiva, aperta all’imprevisto, vigilante in rapporto agli ostacoli dell’insegnamento/apprendimento, attenta sia alle procedure poco efficaci che a quelle corrette. È necessariamente situata e distribuita in un contesto evolutivo dove emergono organizzazioni cognitive ed eventi relazionali non prevedibili.
Si prevede:
 la ridefinizione e l’adeguamento degli obiettivi alle esigenze dei partecipanti
 la raccolta di osservazioni da parte dei corsisti durante le varie fasi delle attività
 la valutazione dell’efficacia della metodologia posta in atto
 la valutazione di quanto appreso anche dal punto di vista relazionale, con par-ticolare attenzione ai processi di coevoluzione
10. Coordinatore
Carlo Romano
Già Ricercatore presso il Dipartimento di Psicologia – Università di Palermo

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: