Skip to content

L’allattamento notturno come strategia evolutiva anticoncezionale?

18 aprile 2014
by

OggiScienza

1101531528_acc78b3541_b RICERCA – Oltre ad essere la forma d’alimentazione migliore per un neonato (ne avevamo già parlato qui ), l’allattamento al seno è un momento di comunicazione intima e profonda tra madre e figlio. Meno poeticamente, le poppate notturne, scandite da intervalli ben precisi, sono motivo di numerose ore insonni per i neogenitori. Uno studio pubblicato su  Evolution, Medicine, and Public Health, a cura di David Haig dell’Università di Harvard, analizza l’allattamento al seno da un punto di vista evolutivo e fornisce un inedito punto di vista: sembrerebbe, infatti, che i neonati che richiedono poppate frequenti nelle ore notturne stiano cercando di ritardare la comparsa dell’ovulazione nella madre per prevenire la nascita di un altro bebè, col quale dovrebbero competere.

Si tratta chiaramente di un meccanismo evolutivo con radici lontane, del quale  portiamo tutt’oggi l’eredità. L’amenorrea da lattazione, cioè l’assenza di ciclo mestruale durante i mesi dell’allattamento,  è una condizione…

View original post 254 altre parole

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: