Skip to content

Le Corde della Terra

2 maggio 2014

Le corde della terra è un viaggio che nasce dalla visione della Sicilia come arpa inclinata: è sorprendente, ma il disegno è lo stesso.

Elaborazione grafica di Roberto Miata

Elaborazione grafica di Roberto Miata

La nostra terra ha un corpo, e quel corpo è Femminile, vibra e risuona, crea armonia e bellezza, se solo sappiamo sfiorare le corde giuste, se solo cambiamo il nostro modo di guardare.

Allo sguardo che “fissa” e “de-finisce”, bisogna sostituirne uno che crea e trasforma, uno sguardo libero come quello che ci consente di riconoscere i disegni sempre mutevoli delle nuvole: lo sguardo Femminile.

Qui per “Femminile” non intendiamo riferirci a un genere, ma all’Anima del Mondo, che tutto pervade, a una visione sempre diversa e in un certo senso olografica, sincronica e totale, che apre alla “capacità” e non al “potere”, perché non domina ma include.

Uno sguardo sferico, che vede in ogni punto un centro.

Lo sguardo di un Continente: terra che emerge e contiene, accoglie, vivifica, trasforma.

Questo Femminile anima ogni essere umano, perché è soffio di vita e onda che purifica, è verginità non contaminata né contaminabile, è vibrazione e armonia, musica celeste.

Il nostro viaggio parte da Palermo e dal corpo della città, e prevede un percorso articolato. Il primo incontro sarà Il Suono che Cura: Accordi di Romina Copernico e Sound Healing di Michele Ananta Deva, 17 Maggio 2014, ore 18,00 – Associazione Yantra, via Alessandro Paternostro, 53 – Palermo. Prenotate inviando una mail a michele@yantrapalermo.it.

Il secondo incontro sarà il 21 Maggio alle ore 21 con Romina Copernico e la sua arpa e la proiezione di un film/documentario a sorpresa che è parte integrante di questo nostro ” viaggio ” a Colori di Luce, in via Sciuti, 98. Prenotate la vostra partecipazione telefonando ai seguenti numeri:  3493548540 – 091 306594

 

Vi aggiorneremo presto sugli incontri successivi, che toccheranno altre corde del corpo della nostra terra… 🙂

 

 

 

 

Annunci
2 commenti leave one →
  1. antonia arcuri permalink
    2 maggio 2014 10:55

    L’arpa inclinata, come la sicilia, ma anche come corpo femminile, mi è sembrata una metafora molto bella, perché il corpo della donna è musicale per le voci che a cui dà voce, perché come il melo carico di mele, o il il ciliegio, come tutti gli alberi che danno frutti, si inclina per peso. Noi donne siamo inclinate e felici di esserlo. un abbraccio grande, Antonia

    • 2 maggio 2014 13:26

      bellissimo quello che hai scritto!!!!
      Siamo inclinate e inclini, sì!
      Un abbraccio grandissimo a te!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: