Skip to content

La Luce non si spegne: si conduce, lasciandosene attraversare

26 dicembre 2014

Quello che ci salva sono le storie. Ne abbiamo bisogno, perché le storie ci raccontano la realtà da punti di vista diversi, e quindi la ri-creano. “Storia” vuol dire “so perché ho visto”, ma ognuno di noi vede con occhi differenti, e raccontarci le “storie” ci aiuta a cambiarle e a cambiare noi stessi. Così, anche nel nostro mondo contemporaneo accade di incontrare “eroi”: non con un cavallo, l’armatura, la spada, perché hanno strumenti diversi. Con il sostegno del suo “popolo”, l’appoggio della rete, la perseveranza, Antonio Presti ci racconta che possiamo cambiare le cose, se solo guardiamo con i nostri occhi. E’ la Luce dei nostri occhi quella che illumina il mondo da dentro, proprio come quella del sole lo illumina da fuori: e il Solstizio è quel momento in cui ce ne accorgiamo.

E’ un Guerriero della Luce, Antonio Presti.

Non ha bisogno di combattere: come un metallo nobile, Antonio conduce la Luce, lasciandosene attraversare, e non trattenendo nulla per sé. 10478159_787300804670043_5123255985302280831_n

Persevera, cioè persiste senza interruzione, con costanza, nel suo compito di Vigile della Luce.

Agisce, non re-agisce: segue l’intuito, va avanti, crea, ringrazia.

Rivendica la Bellezza con l’Amore: non con rabbia, né livore.

Non si schiera con nessun potere, e forse proprio per questo il potere lo ostacola, lo combatte e soprattutto non riesce a comprenderne le azioni, che lo spiazzano.

10408099_847454895296931_897667559497550378_n

“Utopia non è ciò che non si può realizzare, ma ciò che il sistema non vuole che si realizzi”

Le parole d’ordine di Antonio sono BellezzaRestituzioneRinuncia.

Quest’anno il Rito della Luce si è manifestato, più chiaramente che mai, così com’è: non certo performance, spettacolo, evento natalizio, orpello decorativo, ma atto universale della testimonianza della luce. Negato dalle istituzioni ma valorizzato dai Giudici di Catania, il Rito, per proteggersi, ha voluto sacrificio, rigenerazione, rinuncia: rinuncia alla luce per avere luce, riconversione dei valori. Perché illuminare non è bruciare, ma riconvertire al valore di Bellezza Universale; è restituire l’etereo nella sua anima di invisibile.

La Luce non si spegne, ha detto Antonio. Tentare di farlo è un reato universale, e merita una condanna universale, fulminante; ma rimane il fatto che la luce non si spegne: il risultato del gesto malsano delle istituzioni è stato quello di una rigenerazione della luce e delle coscienze. Il lavoro dei bambini, delle mamme, degli artisti, degli insegnanti, degli amici che sostengono la Fondazione Fiumara d’Arte è stato riconosciuto su un piano più alto, quello del sacrificio, il sacrum facere che ha trasformato ogni resistenza in una risorsa attiva e poetica. Il messaggio di luce è arrivato più forte, come autorevolezza e ammonimento, e il Rito si accenderà altrove, illuminando gli occhi dei bambini e delle persone creative. Stavolta si può proprio dire che l’oscurità è stata sconfitta e sottomessa dalla luce!1926891_759717204095070_1225702057657786768_n

Un grande ringraziamento ad Antonio Presti e Gianfranco Molino, Presidente e Vicepresidente della Fondazione Fiumara d’Arte, nostri carissimi amici di cui davvero siamo orgogliosi e che sosteniamo dal profondo del cuore; e a tutti coloro che infaticabilmente con loro hanno lavorato e lavorano. E per chiudere, ecco le parole di Antonio stesso:

Messaggio di Antonio Presti a chiusura di ogni polemica sul Rito della Luce 2014

10341841_787388394661284_4922618973087937140_n

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: