Skip to content

C’era una volta: Antonio Presti e lo sguardo che crea

8 maggio 2015
q

Antonio Presti

In Siciliano, si sa, non esiste il futuro. Nel nostro dialetto c’è il presente e c’è il passato, ma per esprimere il tempo che verrà si ricorre al presente o a forme perifrastiche: “…domani vengo” (dumani vegnu), “devo fare” (aju a’ fari), “dovrei fare” (avissi a fari), ecc. E tutti conoscono la celebre riflessione di Leonardo Sciascia: «Come volete non essere pessimista in un paese dove il verbo al futuro non esiste?»

Eppure…

Eppure c’è un modo diverso di vedere le cose. Ci sono i bambini, ad esempio, che giocando dicono “Facciamo che io ero la mamma e tu eri….“. E’ al passato, ma non è mai accaduto e non si sa se accadrà: semplicemente non importa. Non è in nessun tempo se non ora, l’unico tempo che conta.

E poi ci sono i creativi, gli Artisti. Quelli che vedono le cose ben prima che accadano: e cioè nel passato. Quello che vedono per loro è già, e per questo possono realizzarlo. Nulla può loro impedire di realizzare i loro sogni, perché semplicemente già li vedono, già ci sono.

Gli Artisti sanno che le “idee” sono “visioni”, perché “idea” e “video”, che in latino vuol dire “vedo e quindi so” hanno la stessa radice.

E’ così che, per esempio, se andate a trovare Antonio Presti, creatore della Fiumara d’Arte che inonda il territorio di bellezza e di sogni, vi può accadere di sentirgli raccontare, mentre indica un luogo dove voi vedete solo campagna “…e là c’era un teatro, fatto con le pietre che venivano da tutte le parti della Sicilia…”; e se voi attivate uno sguardo diverso, se aprite gli occhi del cuore, ecco che vi appare bellissimo e reale quel teatro, in un tempo senza condizioni, quello che è il solo tempo reale, quello che non dipende dall’ora legale né sa di Greenwich, il tempo di dentro. E Antonio racconta “e venne un bambino, e gli disse che…”, “E c’era un esercito di bambini che salvava i bambini…” “e qui c’era una Piramide…”, “e là c’era un osservatorio…” “e allora c’era una finestra sul mare…” “un gigantesco uovo d’oro in cui ti rigeneravi…”

Ma ce lo siamo mai chiesto cosa vuol dire “futuro”? Anche questa è una forma perifrastica, vuol dire “che è per essere”, e per questo “sarà”. Così anche “natura” è “ciò che è per generare”: un “principio generativo”, senza tempo.

Questi occhi dobbiamo aprire, quelli sul tempo di dentro: che se li apriamo, cambia tutto quello che accade fuori.

Questi occhi di dentro sono la RIVOLUZIONE.

Ed è per questo che anche quest’anno stiamo immaginando il Rito della Luce di cui presto vi racconteremo in dettaglio, perché c’era una volta e ci sarà sempre, c’era nel tempo che realizza le cose, in quel principio generativo che non si arresta mai e in ogni momento si dispiega, come nella “natura” e nelle favole.

C’era una volta, in tutte le lingue è un modo per cominciare le fiabe, le storie, le favole e tutto ciò che attiva l’immaginazione e mette in moto la creatività, eccovi un esempio tratto da Wikipedia:

afrikaans: Eendag, lank gelede…
albanese: Na ishte një herë…
arabo: كان يا ما كان،في قديم الزمان، وسالف العصر والأوان
armeno: Կար-չկար…
azero: Biri var idi, biri yox idi…
bulgaro: Имало едно време…
catalano: Hi havia/això era una vegada
ceco: Bylo nebylo,…
cinese: 很久很久以前
coreano: 옛날 옛적에…
croato: Jednom davno…
danese: Der var engang…
ebraico: היו היה פעם
faroese: Einaferð var tað…
finlandese: Olipa kerran…
francese: Il était une fois
gallese: Amser maith yn ôl…
georgiano: იყო და არა იყო რა, იყო…
giapponese: 昔昔, 昔々, むかしむかし
greco: Μια φορά κι έναν καιρό…
hindi: किसी ज़माने में oppure बहुत पुरानी बात है
indonesiano: Dahulu kala…
inglese: Once upon a time
gaelico irlandese: Fadó, fadó, fadó a bhí ann (agus bhí rí i nGaillimh)
islandese: Einu sinni var…
lettone: Reiz sen senos laikos…
lituano: Vieną kartą…
macedone: Си беше еднаш…
malese: Pandu Oridathu…
norvegese: Det var en gang…
olandese: Er was eens…
persiano: روزی روزگاری
polacco: Dawno, dawno temu…
portoghese: Era uma vez…
romeno: A fost odata, ca niciodata…
russo: Жил был (maschile singolare), жила была (femminile singolare), жило было (neutro singolare), жили были (plurale)
sardo: B’aiat una borta…
serbo: Једном давно…
slovacco: Kde bolo – tam bolo…
sloveno: Pred davnimi časi …
spagnolo: Érase/Había una vez…
svedese: Det var en gång…
swahili: Hapo zamani za kale….
tamil: முன்னொரு காலத்திலே…
tedesco: Es war einmal… ‘.
telugu: అనగనగా ఒక రోజు…
thai: กาลครั้งหนึ่งนานมาแล้ว
turco: Bir varmış, bir yokmuş. Evvel zaman içinde, kalbur saman içinde…
ungherese: Volt egyszer hol nem volt…
veneto: Ghe gera na volta…
vietnamita: Ngày xửa ngày xưa…

3 commenti leave one →
  1. 8 maggio 2015 07:25

    Io ho visto quel ” teatro”. Appare un mondo nuovo che Antonio Presti è bravissimo a rappresentare. Tutto questo è uno spunto poi tocca a noi continuare a vedere …

  2. Adriana Scancarello permalink
    8 maggio 2015 08:13

    Antonio Presti e l’Arte di costruire significati. Nella solitudine ma con coraggio e tenacia.
    C’era una volta …una presenza nella Storia, a cui sapremo dar voce, occhi e cuore.

  3. vinzia permalink
    9 maggio 2015 07:55

    wow!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: