Vai al contenuto

Il “Sistema delle Piazze” – Gibellina Nuova

28 gennaio 2019

Ingresso al Sistema delle Piazze – Gibellina Nuova
di costagar51

Nel deserto “Sistema delle Piazze” – Gibellina Nuova – di costagar51

 

Il cosiddetto Sistema delle Piazze a Gibellina Nuova è un allineamento di piazze cinte da strutture architettoniche laterali progettate da Franco Purini all’anagrafe Francesco Purini (Isola del Liri, 9 novembre 1941), un architetto, saggista e docente universitario italiano it.wikipedia.org/wiki/Franco_Purini
e Laura Thermes (Roma, 1º dicembre 1943) un architetto italiano. it.wikipedia.org/wiki/Laura_Thermes.

Del sistema delle piazze fanno parte:
la Piazza Rivolta del 26 giugno 1937;
la Piazza Fasci dei Lavoratori;
la Piazza Monti di Gibellina;
la Piazza Autonomia Siciliana;
la Piazza Passo Portella delle Ginestre.

Dopo l’avvento del terremoto del ’68, si iniziò a formulare strategie rivolte a compensare i vari squilibri che avevano contrassegnato la rinascita delle città della Valle del Belice dopo il sisma. Molti di questi centri, allora, si trovavano in condizioni indefinite, sospese tra le indicazioni dei rispettivi piani, spesso astratti e di difficile realizzazione, e una non sempre adeguata capacità di amministrazione.
Per Gibellina, al contrario delle altre città ricostruite, ci si trovava davanti ad una situazione diversa rispetto al vecchio sistema insediativo, oramai distrutto: gli insediamenti erano compatti, contrapposti al paesaggio, stratificati e contraddistinti, tra il tessuto residenziale e gli edifici a destinazione collettiva.

L’identità perduta di Gibellina
ifg.uniurb.it/static/sito-2015/static/lavori-fine-corso-2…

Tre piazze vuote e nessun centro: la vita sociale è confinata nei circoli
Qualcuno la chiama piazza 14 gennaio, qualcun altro piazza 16 gennaio, altri semplicemente piazza del Comune. Ma almeno di questa piazza si ricordano. Se agli abitanti di Gibellina Nuova si chiede quante piazze ci sono in città, solo in pochi rispondono. I più anziani, di solito, aggrottano le ciglia e si fermano a contarle con le dita. “Di piazze qui ce ne sono tante – spiegano – il problema è che la gente non ci va”. Il terremoto ha sepolto la vecchia piazza e la mano degli architetti non è stata capace di ricostruirla. Nel paese nuovo gli urbanisti hanno realizzato tre piazze, ma nessuna è percepita come luogo di incontro. “I ragazzi il sabato sera si vedono nei locali – racconta Daniele Balsamo, 41 anni, insegnante – e gli anziani si ritrovano nei circoli”. Nelle piazze si sente solo l’eco dei passi di qualche sparuto passante e, in lontananza, il rumore di un motorino o di una macchina che sfreccia sulla strada. Poi il silenzio. La vita è altrove, in via Indipendenza. Un’anonima strada in cui hanno trovato alloggio i circoli, cuore della vita sociale nel paese vecchio.
da: ifg.uniurb.it/static/sito-2015/static/lavori-fine-corso-2…
Gibellina (Ibbiddina in siciliano) è un comune italiano di 4 028 abitanti della provincia di Trapani in Sicilia.
Il centro abitato attuale, noto anche come Gibellina Nuova, è sorto dopo il terremoto del Belìce del 1968 in un sito che in linea d’aria dista circa 11 km dal precedente. Il vecchio centro, distrutto dal sisma, è stato abbandonato ed è oggi noto come Gibellina Vecchia.
da: it.wikipedia.org/wiki/Gibellina

Gibellina (TP), agosto 2018

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: