Vai al contenuto

NASCERE SEGNA a Vicenza

30 agosto 2018
by

L’evento nascita non è solo un un punto di arrivo, ma un processo che modifica la vita, dal punto di vista fisico, psichico e sociale. La donna e il bambino/bambina devono avere la possibilità di essere accolti, ascoltati e rispettati nell’evoluzione di un cambiamento, che lascerà un segno nel resto della vita.

Porto Burci e Follia Organizzata, con la collaborazione di Teatro della Cenere, propongono una serata dibattito intorno alla violenza nella nascita, moderata dall’attivista Monica Garraffa.

venerdì 7 settembre dalle ore 20:30 alle 22:30

Porto Burci
Contrà dei Burci, 27, 36100 Vicenza

L’evento è ad ingresso libero

Evento FB

Annunci

Arco Azzurro – Mongerbino

21 agosto 2018

Arco Azzurro – Mongerbino
di costagar51

Geosito “Arco Azzurro” Mongerbino – Aspra

“Che emozione!
Dopo tantissimi anni tornare all’Arco Azzurro.
Adesso non si può più salire sull’arco e attraversarlo.
Certo non è più come allora quando alcuni bambini della zona si tuffavano dall’arco e poi risalivano scalando la parete rocciosa per poi ricominciare nuovamente.
Noi li guardavamo stupiti e nessuno di noi riuscì mai ad imitarli, loro sin da piccoli passavano così le loro giornate…”

La fama dell’Arco Azzurro era iniziata con la pubblicità dei “Baci Perugina” nel 1974:
www.youtube.com/watch?v=nrQmeex1LBk

Sembrerà incredibile ma lì un tempo ci fu pure una discoteca e la sera si ballava guardando l’arco illuminato e poi …. quanto abusivismo e quanta mafia: www.youtube.com/watch?v=nQ10G6nIcRU.

e oggi finalmente…si torna ai baci:
www.youtube.com/watch?v=EVy4v9Y8tNc

e inoltre ginnastica e concerti:
www.facebook.com/Geosito-Arco-Azzurro-Mongerbino-Aspra-65…

Aspra – Bagheria (PA) luglio 2018

Scorcio su villa Sant’ Isidoro De Cordova ad Aspra

27 luglio 2018

 

Scorcio su villa Sant’ Isidoro De Cordova ad Aspra
di costagar51

Villa Sant’ Isidoro De Cordova – Aspra (Bagheria)
“Nel 1392, anno in cui il re Martino conquista la Sicilia e Andrea Chiaramonte viene decapitato nella piazza antistante il suo palazzo a Palermo, nasce la baronia di Solunto. All’interno della baronia si rende necessaria la costruzione di un edificio destinato non solo alla conservazione ma anche alla lavorazione dei prodotti agricoli: e questa antica “fabbrica” è probabilmente all’origine della Villa Sant’Isidoro De Cordoba.
La suddivisione in feudi della Sicilia comporta una migliore organizzazione dell’intero territorio e impone la costruzione di numerose fabbriche a questo asservite. I latifondi, pertanto, innescano fermenti edilizi di notevole valore costruttivo-architettonico e socio-economico.
L’arrivo del Settecento segna per il modo di vivere della nobiltà una vera e propria rivoluzione, che ha notevoli riflessi sul modo di costruire e sulle abitudini estive.
È proprio in questo sito che vi sono ancora diverse cave a cielo aperto a testimonianza della plurisecolare estrazione della pietra calcarea che ha permesso la costruzione di numerose ville.
L’organizzazione dell’attuale corpo di fabbrica è databile 1753, data questa rilevabile nella decorazione del grande salone dipinto a “trompe l’oeil”.
Ulteriori interventi sono eseguiti nella seconda metà dell’Ottocento dopo che una Del Castillo sposa, nel 1849, un De Cordoba. Il nuovo impianto decorativo della volta a padiglione si sovrappone al precedente di cui s’intravedono diverse tracce.”
da: www.villasantisidorodecordova.it/sito/la-villa/
www.villasantisidorodecordova.it/sito/

Aspra è l’unica frazione di Bagheria nella città metropolitana di Palermo. Si tratta di una borgata marinara che si affaccia sul Golfo di Palermo.
I primi insediamenti si pensa siano risalenti già nel periodo di dominazione araba, dato che si sospetta che il suo nome derivi dall’arabo حجر («pietra»). Aspra è stata infatti per generazioni usata per ricavarne blocchi di calcarenite (pietra leggera, di media durezza e facile da lavorare nelle ampie cave a cielo aperto localmente chiamate pirriere). Il toponimo Aspra, tuttavia, potrebbe derivare dal latino asperus (impervio) o dal greco aspro (bianco).
da: it.wikipedia.org/wiki/Aspra_(Bagheria)

Aspra – Bagheria (PA), luglio 2018

La corte di villa De Cordova a Tommaso Natale

21 luglio 2018

La corte di villa De Cordova a Tommaso Natale
di costagar51

“In via Tommaso Natale al civico n. 80 si trova villa De Cordova dall’aspetto imponente per lo sviluppo verticale. La villa fu costruita nella prima metà del ‘700 dal marchese Giovanni Brancaccio. Passata successivamente agli Arceri, quindi al senatore Giuseppe Giacalone, nel XIX secolo fu proprietà dei marchesi Del Castiglio per poi pervenire all’inizio del ‘900 ai De Cordova, marchesi della Giostra. L’edificio ha tre elevazioni e si erge al centro della corte, dove si mantengono alcuni elementi di arredo, come le panche decorate da stucchi, con corpi bassi su cui sono due terrazze, una pavimentata in maiolica, con balaustre a colonnine. Lo scalone esterno elicoidale si arresta direttamente sulla terrazza del secondo livello. Il terzo livello presenta cinqque balconi a petto d’oca. Nel salone principale, entro eleganti ornati geometrici neoclassici, è l’affresco del Trionfo di Diana, attribuito ad Elia Interguglielmi. Nella corte, con un fianco allineato alla strada, si trova la caappelladedicata alla Madonna del Rosario, costruita nel 1754; il piccolo prospetto presenta un portale con timpanospezzato e due finestre a mezzaluna.”
da: palermo la città ritrovata – itinerari fuori le mura dalla Conca d’Oro ai Colli a Mondello
di Adriana Chirco

www.villadecordova.it/index.html

Tommaso Natale (PA), aprile 2018

Letizia: un’eterna ragazza

23 giugno 2018

Letizia: un’eterna ragazza
di costagar51

“Ieri, in giro per il Palazzo Pretorio, la vedo e come sempre ha la macchina fotografica al collo, mi avvicino le dò un bacio e le scatto una foto. Mi siedo accanto a lei e subito mi dice: ma chi fai? finisti? (Cosa fai? hai finito?). No! le avrei scattato mille foto, le avrei fatto mille domande, le avrei raccontato le mille cose che mi ha insegnato in tantissimi anni attraverso le sue immagini e le sue lotte invece le chiedo solo: “Ma per adesso cosa fai?” e lei subito: “Lavoro al Centro Internazionale di Fotografia ai Cantieri Culturali della Zisa”…..
E’ sempre lei carica, piena di grinta, combattiva è la Letizia Battaglia di sempre.”

Letizia Battaglia (Palermo, 5 marzo 1935) è una fotografa, fotoreporter e politica italiana.
it.wikipedia.org/wiki/Letizia_Battaglia
e
www.facebook.com/letiziabattagliaofficial/

Palermo, giugno 2018

Scomparsa della necropoli di via Francesco Guardione

24 maggio 2018

Scomparsa della necropoli di via Francesco Guardione
di costagar51

23 marzo 2018 www.ilgazzettinodisicilia.it/2018/03/23/necropoli-medieva…
“Una necropoli risalente al IV-V ed il IX secolo dopo Cristo è stata scoperta in via Francesco Guardione a Palermo, quasi all’incrocio con via Francesco Crispi e la piazza XII Vittime, poco distante il Castello a Mare. Si tratta di circa sessanta tombe e un centinaio di scheletri, su una superficie di circa 400 mq. I reperti sono emersi durante i lavori di scavo nel cantiere per il collettore fognario che sta realizzando l’impresa Sikelia.
In precedenza, lo scorso ottobre, quando erano già state trovate sul sito altre ossa umane, si era ipotizzato potesse trattarsi di un cimitero della mafia. Ora questa ipotesi è stata definitivamente scartata.
Tecnici ed esperti incaricati dalla Soprintendenza stanno catalogando i ritrovamenti. Fortunatamente pare che i lavori per la sistemazione del collettore, per circa 15 milioni di euro, non dovranno subire rallentamenti.”

ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2018…
“Fra le strade rosicchiate dai lavori in corso e le cicatrici della città dei cantieri, riaffiora una storia nascosta da secoli. Servivano gli scavi del tram, delle condutture fognarie e della nuova rete elettrica per tracciare la mappa dei tesori di Palermo: dai qanat arabi sotto la stazione Notarbartolo ai resti di un’antica posizione strategica militare cartaginese ritrovati a Villa Belmonte, fino alle due tombe dell’Età del rame ritrovate due anni fa in via Venere, a Mondello.
L’ultimo caso in via Guardione, a ridosso di piazza Tredici Vittime…

17 maggio 2018 Una colata di cemento ed è SCOMPARSA LA NECROPOLI.
Capisco bene l’importanza di proseguire i lavori del collettore fognario, ma non si poteva trovare una soluzione meno traumatica per questa splendida scoperta?
Inevitabilemnte mi torna in mente la ” Necropoli punica di Palermo”
www.flickr.com/photos/36609145@N02/8583245349/in/photolis…

Palermo, maggio 2018

“Allattamento e comunità” contest fotografico a Palermo

4 maggio 2018
by

Il gruppo di sostegno alla pari dell’associazione “l’Arte di Crescere” cerca madri di qualunque etnia (orientali, africane, tamil, occidentali,…) che abitano a Palermo, che allattano e che siano disposte a farsi fotografare per un progetto fotografico che rientra in un programma culturale di ampio respiro nell’ambito di una campagna di sensibilizzazione dal titolo “Allattamento e comunità”. La campagna è finalizzata a incentivare l’allattamento materno nelle diverse culture che si intrecciano e si incontrano nella città di Palermo. Se sei interessata a partecipare invia un tuo recapito telefonico e una tua foto in primo piano all’indirizzo email dell’associazione: gsap.lartedicrescere@gmail.com
Le foto verranno realizzate grazie alla collaborazione gratuita di Tullio Fortuna

Foto di Tullio Fortuna

La foto che invierai non sarà utilizzata per il progetto e non sarà diffusa ma servirà esclusivamente per una prima selezione. Precisiamo altresì che, per partecipare al progetto, sarà necessario firmare la liberatoria all’utilizzo dell’immagine e che titolare del trattamento dei dati è l’associazione “L’Arte di Crescere”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: