Skip to content

Sono libere le donne?

21 maggio 2017
A03

Opera di Riccardo Mannelli

Se le donne sono veramente libere ancora ce lo chiediamo, e forse già chiederselo significa che il problema c’è e che ce lo poniamo, perché c’era un tempo che non ce lo chiedevamo e solo per questo sembrava che non ci fosse.
Allora cerchiamo soluzioni qua e là; siamo disponibili ad andare in capo al mondo anche, ma se non le cerchiamo veramente dentro di noi, le soluzioni rimangono parole.

Le parole in italiano hanno un genere maschile e un genere femminile – e per questo spesso ci si accapiglia, perché anche noi siamo parole in fondo -, ma la cosa più importante è un’altra, è che ci sono parole vere e parole false e che spesso hanno lo stesso suono.
Sì, lo stesso suono, preciso, le stesse lettere.
Gli stessi caratteri.
C a r a t t e r i, come quelli delle persone.

Cosa distingue le parole vere da quelle false?
L’intenzione, anzi l’intenzionamento.
Le parole vere nascono dalla ricerca e quindi sono libere.
La ricerca è una sola: quella di sé, quella che nasce da una semplice domanda: “ma io chi sono?”, una domanda umile che porta a guardarsi dentro; e a guardarsi dentro si vedono le montagne e i fiumi e i laghi, gli animali, le piante, il cielo e la terra, gli uomini e le donne; e poi anche s’intravedono idee e categorie come disoccupati, omosessuali, carcerati, potenti, deboli, o anche assassini, amanti, insegnanti – qualunque cosa c’è, dentro di noi, e si scopre pian piano o tutto d’un colpo, dipende.
Le parole vere sono quelle che ci fanno sentire capaci, sono le nostre, quelle con cui diamo nomi alle cose, quelle con cui creiamo il mondo.

Le parole false nascono dall’intento di manipolare gli altri, dalla malafede: sono parole abusanti e abusate che vengono plasmate come gabbie e adattate intorno agli altri per mantenerli dipendenti o anche semplicemente inconsapevoli. Le parole false tagliano fuori la voglia di chiedere, chiedersi, cercare, e cancellano ogni creatività. Sono le parole del “Potere”.

Sono libere le donne?, ci chiediamo, andando ai confini del mondo, cercando risposte persino in antiche società tradizionali: eppure no, non è là che possiamo trovare le nostre risposte. Là ci sono altre risposte, le loro; ma non sono dentro di noi, quelle parole. Quelle parole sono vere là; ma qui assumono un senso completamente diverso, e se non stiamo attenti, le falsifichiamo, pur con le migliori intenzioni.

Ho visto un film interessantissimo, “Nu Guo – Nel nome della Madre”, a Palermo, all’associazione Colori di Luce. È un documentario di Francesca Rosati Freeman e Pio d’Emilia, che ci mostra un mondo lontanissimo dal nostro, un mondo dove non esiste violenza e le donne sono dello stesso genere della natura e come lei sono madri, al di là del fatto che abbiano figli o meno. È il mondo dei Moso, e molte delle loro idee, viste da fuori, ci appaiono meravigliose – la non appartenenza, l’assoluta eguaglianza, la libertà, la concezione dell’amore – per citarne solo alcune.
Ma un indomabile senso di irrequietezza mi impediva di mettere a fuoco, durante la proiezione e anche dopo, durante il dibattito, quello che percepivo un po’ stridente.
L’ho capito solo dopo.
Non era nel documentario, la cosa stridente, ma in noi, nel modo in cui lo stavamo guardando, nelle nostre aspettative.
Ho capito che stavamo cercando una risposta alla nostra sete di libertà… in una società tradizionale.
Una società tradizionale non può essere libera nel modo in cui noi lo intendiamo: là si fa quello che si è sempre fatto, perché è giusto, il mondo è stato sempre così e va bene così, non ci si interroga perché non ce n’è bisogno.
Siamo certi, dunque, di comprendere ciò che ci dicono i Moso? Siamo certi di riconoscere le loro parole, o stiamo dimenticando che il loro è un mondo differente, basato completamente su altri presupposti?
La nostra non è da gran tempo una società tradizionale, non lo è. Molto faticosamente, stiamo cercando di capire qual è il nostro posto nel mondo in cui viviamo, un mondo che abbiamo sognato libero ma è ancora ben lontano dall’esserlo.
In questo nostro mondo, abbiamo bisogno di trovare le parole vere, quelle che possono raccontarlo senza generare confusione e liberarlo da se stesso; trovare le nostre parole, quelle che nascono dal profondo disorientamento che ci contraddistingue, perché noi abbiamo lottato contro la società tradizionale, contro tutto ciò che fosse dato una volta per tutte e fosse là, scontato, giusto solo perché così da sempre.
Abbiamo bisogno di trovare le nostre parole – anche dissonanti, anche contrapposte, anche inventate, nuove, bizzarre – perché tacere vuol dire conformarsi, vuol dire spesso non chiedersi “ma io chi sono?”, vuol dire non chiedersi niente: e questo ci rende prede. E nelle antiche società tradizionali possiamo leggere sì infinite radici del nostro essere qui e ora, ma le radici stanno nel profondo, non si sovrappongono, si uniscono forse in un punto lontanissimo che possiamo raggiungere dentro di noi, non fuori.

rm003-riccardo-mannelli

Opera di Riccardo Mannelli

Sono libere le donne?, ci chiediamo ancora, e quali sono le parole per chiedercelo?
Sono le nostre.
Sono libera io? Questa è la domanda.
E per comprendere meglio da quale complessità nasce, questa domanda, da quale assurdo e profondissimo tentativo di scardinare ogni certezza per poterla rifondare, da quale travaglio, ricerca, sbranamento di sé, vi propongo questi due bellissimi scritti, di Natalia Ginzburg e di Alba de Céspedes tratti da TUTTESTORIE n. 6/7, dicembre 1992, che potrete leggere qui: Discorso sulle donne

Sì lo so, l’articolo è lungo e anche gli scritti, ma dobbiamo rassegnarci: la ricerca è così, fatta di “ardente pazienza”.

18556525_1049354415195555_4665626957461353182_o

opera di Riccardo Mannelli

Le opere di Riccardo Mannelli sono tratte dal web.

Arsenale della Real Marina – Museo del mare

14 maggio 2017

Arsenale della Real Marina – Museo del mare
di costagar51

Stemmi e lapide sulla facciata dell’Arsenale della Real Marina – Museo del mare
di costagar51

Grandi ancore all’ingresso dell’Arsenale della Real Marina – Museo del mare
di costagar51

L’ Arsenale della Real Marina, aperto nel 1997, è un monumento di Palermo che ha sede in via dell’Arsenale, in un’area prospiciente i Cantieri Navali della città.
All’inizio del XVII secolo l’arsenale della città sorgeva nell’edificio posto nella odierna Piazza Fonderia, costruito nel 1601 proprio come arsenale per le regie galere, ormeggiate sul fondo del porto della Cala. Dopo poco tempo, in seguito all’espansione del porto di Palermo con la costruzione del nuovo molo più a nord (1567-1590), si decise di spostare anche l’arsenale in un luogo più conveniente e spazioso, lasciando al vecchio edificio il ruolo di fonderia per le artiglierie (Real Fonderia alla Cala).
Il nuovo arsenale, di forma rettangolare, venne costruito tra il 24 gennaio 1621, giorno in cui fu posata la prima pietra, ed il 1630, su progetto dell’architetto palermitano e ingegnere del senato Mariano Smiriglio. La costruzione dell’arsenale, iniziata sotto il Viceré Francesco de Lemos duca di Castro per iniziativa di don Diego Pimentel (all’epoca Generale delle Galere di Sicilia), si protrasse per circa nove anni e terminò sotto il vicereame di Francisco Fernández de La Cueva duca di Alburquerque.
La data è testimoniata anche dall’iscrizione in facciata che recita: “Philippi IV Hispaniarum, utrisque Siciliae regis III, auspiciis augustis, navale armamentarium inchoatum, perfectum an. Salutis MDCXXX” (“Con i felici auspici di Filippo IV di Spagna, III re delle Due Sicilie, l’incompiuto arsenale navale fu completato nell’anno della Redenzione 1630”) –
La lapide con l’iscrizione, a sua volta sormontata dallo stemma degli Asburgo di Spagna per il Regno di Sicilia, a sinistra è affiancata dal blasone di famiglia del Vicerè e a destra dall’emblema della città, con la figura del Genio di Palermo che fa capolino.

da: it.wikipedia.org/wiki/Arsenale_di_Palermo_-_Museo_del_mare
e da: www.regione.sicilia.it/beniculturali/archeologiasottomari…

Dopo i lavori di restauro eseguiti dalla Soprintendenza l’edificio è stato adibito nel 1999 a spazio museale, e affidato in gestione ai membri del “Comitato pro Arsenale Borbonico”.
Associazione Culturale “Museo del Mare e della Navigazione Siciliana «Florio»”
www.museodelmarepalermo.it/

Palermo, ottobre 2016

La Chiesa dei Santi Crispino e Crispiniano

6 maggio 2017

La Chiesa dei Santi Crispino e Crispiniano – restaurata
di costagar51

Interno della Chiesa dei Santi Crispino e Crispiniano
di costagar51

La chiesa dei Santi Crispino e Crispiniano, martiri in Gallia ai tempi dell’Imperatore Massimiano, risale al 1149. In origine titolata a San Leonardo de Indulciis fu concessaa nel 1620 alla maestranza degli Scarpari (calzolai).
“L’edificio era a tre navate divise da colonne e preceduto da un portico; vi erano due altari per lato e possedeva alcuni buoni arredi; tra questi il quadro dell’altare maggiore Giuseppe Tresca (1739) e due dipinti di Pietro Ruzzolone (XVI secolo); fu parzialmente distrutto da una bomba nel febbraio 1943 e trasformato in una discarica di rifiuti.”
da Adrana Chirco: “Palermo la città ritrovata – itinerari entro le mura”.

Palermo, gennaio 2017

in vicolo San Michele Arcangelo.

Raduno delle mamme a Palermo

6 maggio 2017
by

Locandina festa della mamma

Evento su FB

Sabato 13 maggio, in occasione della Festa della Mamma, l’associazione Arte di Crescere (ADC) propone un raduno delle mamme a partire dalle 11:00 presso Villa Trabia. Dalle 11:30, collegandoci mediante i nostri dispositivi alla rete wifi disponibile in Villa, potremo assistere alla diretta da Roma del Convegno a supporto della campagna nazionale “Allattamento è… ovunque lo desideri”. Il raduno è parte del progetto “Allattamento e comunità” promosso da ADC con il contributo dell’Assessorato regionale della Salute e rientra tra le attività organizzate in occasione della Settimana Europea del Portare 2017.
Vi aspettiamo con i vostri bambini, i papà, i nonni, gli zii e gli amici. Avrete così modo di conoscere le attività e i progetti dell’Associazione e le mamme che li supportano. Se porterete una merenda la condivideremo insieme.
Che abbiate allattato o meno, che abbiate portato o meno in fascia il vostro bimbo, venite a raccontare la vostra esperienza…sarete le benvenute

 

Corpi Materni

5 maggio 2017
by

Corpi Materni – Convegno nell’ambito del progetto “Allattamento e Comunità”
Sala Piersanti Mattarella – Palazzo dei Normanni, Palermo
12 maggio 2017
15-19

In una cultura che ci ha avvezzati ai corpi piatti e bidimensionali del regime mediatico, al mantra “appaio dunque sono”, al corpo fantasma e all’esperienza trasformata in memoria prima ancora di essere vissuta, in cui nasciamo e partoriamo figli, attraversiamo quindi le molteplici trasformazioni del nostro corpo, scissi dalla nostra sensibilità, anestetizzati, l’esperienza del corpo è strappata dal vissuto e dal suo riconoscimento.
Di fatto sin dalla più tenera età, anche se nati fisiologicamente e allattati e anche se i loro fratellini e sorelline sono allattate e loro in casa osservano questa esperienza, i bambini apprendono che il taglio cesareo e il biberon sono il modo normale di partorire e nutrire i bambini attraverso il gioco, la scuola e la tv. La domanda allora diventa: è possibile un altro immaginario? Ce lo chiediamo leggendo insieme un classico della storia del corpo delle donne, “Il corpo della donna come luogo pubblico” di Barbara Duden e addentrandoci nel capitolo della comunicazione sociale e dei programmi educativi insieme a rappresentati delle istituzioni pubbliche ed esperte nel campo dell’antropologia, della teologia, dell’etologia e della ginecologia.

Letture a cura delle mamme del gruppo di sostegno alla pari dell’associazione “L’Arte di Crescere”

In copertina scultura di sabbia realizzata dal maestro Salvatore Rizzuti durante il Flash mob per l’allattamento materno “Gocce di Pace” nella spiaggia di Mondello del 3 ottobre 2015

Si rilascia attestato di partecipazione

Programma
15 – Apertura dei lavori e saluti istituzionali Alice Anselmo e Valentina Zafarana
15.15 – La promozione dell’allattamento materno nei luoghi di studio e di lavoro, Marika Gallo
15.45 – Il corpo delle donne e le leggi degli uomini, Antonella Monastra
16.15 – Corpi che allattano e immaginario collettivo, Elisabetta Di Giovanni
16.45 – “So tutto, ma non so niente!”, l’educazione sessuale e di genere a scuola: un’esperienza, Giulia Lo Porto
17-15 Noi come loro? Luisa Li Vecchi
17.45- Tavola rotonda “Comunicare l’allattamento alle generazioni future”
Modera Monica Garraffa, intervengono Salvatore Requirez, Elio Lo Presti, Domenico Cipolla, Claudia Pilato, invitato Maurizio Gentile
18.30 – Discussione col pubblico presente in sala e conclusioni

RELATORI
Alice Anselmo, deputata ARS, componente I commissione – Affari istituzionali
Valentina Zafarana, deputata ARS, componente V commissione – Cultura Formazione e Lavoro
Marika Gallo, Referente progetto “Allattamento e comunità”, “L’arte di crescere”
Giulia Lo Porto, insegnante, biblista
Elisabetta Di Giovanni, ricercatrice antropologa, Università degli Studi di Palermo
Antonella Monastra, ginecologa e consigliera del Consiglio Comunale di Palermo
Luisa Li Vecchi, veterinaria
Monica Garraffa, MAMI – Movimento Allattamento Materno Italiano
Elio Lo Presti, Presidente del Collegio provinciale degli Ostetrici di Palermo
Domenico Cipolla, Direttore del Dipartimento Salute della Donna e del Bambino dell’ASP6 di Palermo
Claudia Pilato, presidente IBFAN Italia
Salvatore Requirez, Dirigente tecnico Servizio 5 DASOE, Assessorato regionale alla Salute
Maurizio Gentile, Ufficio Regionale Scolastico

Scarica qui la locandina\programma di CorpiMaterni

Evento su FB

Rifugio antiaereo sotto piazza Pretoria

30 aprile 2017


Un corridoio del rifugio antiaereo sotto piazza Pretoria
di costagar51

 

Un angolo del rifugio antiaereo sotto piazza Pretoria
di costagar51

Sedili in pietra e mezzo metro quadrato di spazio ciascuno: così si stava nel rifugio antiaereo sotto piazza Pretoria che risale al secondo conflitto mondiale. Nel 1935 il Comune creò ricoveri per proteggere i cittadini dai bombardamenti. Nel rifugio alcune canne di ventilazione – provenienti dalle grondaie – assicuravano aria pura, mentre una chiusura dall’interno impediva che venissero invece immessi gas nocivi. Il ricovero, per duecento persone, aveva tre accessi su piazza Pretoria: uno a fianco di ciascuna statua dei leoni, e un altro dalla scalinata della fontana. Infine c’era un altro accesso dall’interno della portineria di Palazzo delle Aquile (quello da cui oggi si accede), e un ultimo murato all’interno della sala di un gruppo consiliare.
da: www.leviedeitesori.com/21-rifugio-antiaereo-palazzo-di-ci…

Palermo, ottobre 2016

Piazza Mondello: “Fontana della Sirenetta” di Nino Geraci

23 aprile 2017

Piazza Mondello: “Fontana della Sirenetta” di Nino Geraci
di costagar51

La fontana della Sirenetta denominata “La sirenetta che guarda il mare“ è stata realizzata nel 1976 dallo scultore palermitano Nino Geraci (1900-1980).

Mondello (in siciliano Munneddu) è una frazione e località turistica di Palermo, racchiusa da Monte Pellegrino e Monte Gallo. Distaccata dalla città dal Parco della Favorita, è raggiungibile per mezzo dei tanti viali reali alberati o tramite collegamenti secondari.

Mondello (PA), ottobre 2016

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: